Ricette Zuppe | Minestre

I fagioli con le cotiche di Duke Ellington

Duke Ellington
Foto del profilo di Massimo Verde

Il 4 dicembre del 1927 debutta al Cotton Club di Harlem a New York l’orchestra del ventottenne Duke Ellington.
Edward Kennedy Ellington noto come Duke Ellington (Washington, 29 aprile 1899 – New York, 24 maggio 1974) è stato un direttore d’orchestra, pianista e compositore statunitense.
Duke Ellington è considerato uno dei più importanti compositori di tutta la storia del jazz e uno dei grandi compositori Americani del 1900.[2] Durante una carriera durata 60 anni, le composizioni di Ellington hanno toccato generi distinti dal jazz, quali il blues, il gospel, le colonne sonore e la musica classica.
Ellington è considerato da molti, uno dei più grandi musicisti del ventesimo secolo, comunque certamente è stato uno dei maggiori esecutori e creatori della storia del jazz assieme a Louis Armstrong e Charlie Parker.
Il duca amava il buon cibo e raccontava di quanto fossero buoni i fagioli con le cotiche cucinati dalla mamma di un suo musicista.

Ecco la ricetta del suo piatto preferito.

Fagioli con le cotiche

350 g di fagioli borlotti, lessati
250 ml di passato di pomodoro
100 g di cotica di prosciutto
1 cipolla bianca
1 mazzetto aromatico (sedano, carota, cipolla)
1 ciuffo di prezzemolo
olio extra
pepe o peperoncino
sale

1. Sbollentate per qualche minuto (4-5 minuti) la cotica di maiale in acqua bollente. Poi scolatela e tagliatela a tocchetti.

2. Tritate finemente il mazzetto aromatico. Mettetelo in un tegame di coccio con un filo d’olio e con la cotica. Fate rosolare.

3. Quando il trito sarà ben dorato, unite il passato di pomodoro e lasciate andare per 15 minuti circa.

4. Inserite i fagioli lessi e proseguite la cottura per altri 20-25 minuti. Se il sugo dovesse addensarsi troppo aggiungete l’acqua di cottura dei fagioli o acqua calda.

5. Aggiustate di sale e profumate con il prezzemolo tritato e abbondante pepe.

I fagioli con le cotiche di Duke Ellington ultima modifica: 2015-12-04T08:15:00+00:00 da Massimo Verde

Autore

Foto del profilo di Massimo Verde

Massimo Verde

Leave a Comment