Interviste

I fratelli Fortunato aprono le porte di La Bettola del Gusto

la bettola del gusto
Foto del profilo di Anna
Autore Anna

A dispetto della loro giovane età Vincenzo e Alberto Fortunato hanno ben chiara la loro idea di buona ristorazione: valorizzare la cucina di tradizione e i prodotti di eccellenza del territorio campano. Oggi i due gemelli ci aprono le porte di La bettola del Gusto, il loro ristorante a Pompei.

Nome che cela quasi una provocazione, La bettola del Gusto coniuga la calda accoglienza di un’osteria con una cucina curata, ambienti eleganti e una vasta selezione di proposte. E lo fa senza sbavature. Designer d’interni Vincenzo, chef Alberto, i due fratelli hanno iniziato la loro avventura nel 2010: «abbiamo fatto una vera e propria scommessa su Pompei, puntando sulla qualità e non sul semplice flusso di turisti. Sognavamo un ambiente caldo e conviviale, che facesse da sfondo a una cucina consapevole», racconta Vincenzo. «Così abbiamo messo in campo le nostre competenze. Alberto, diplomato all’istituto alberghiero, allievo del prof. Enrico Cosentino, fino a quel momento aveva già accumulato un bel po’ di esperienze nel mondo della ristorazione. Io, disegnatore di interni, avevo implementato le mie conoscenze specializzandomi in Food and Beverage management e formandomi come sommellier. Proprio sulla via che conduce al Santuario abbiamo dato vita al nostro ristorante. Dagli arredi – in cui pietra naturale e legno fanno da protagonisti – alla cucina – semplice e curata nei minimi dettagli – La Bettola del Gusto riflette la nostra idea di buona accoglienza».

la bettola del gusto

Le prime soddisfazioni non sono tardate a venire: «Nel 2013 il nostro ristorante è stato segnalato nella Guida Michelin e, successivamente, è stato notato da L’Espresso e da Slow Food».

Le proposte dei fratelli Fortunato si fondano su scelte consapevoli: «abbiamo formato una rete con i produttori locali appartenenti al circuito Slow Food, coi quali scegliamo i prodotti migliori, selezionandoli sulla base della stagionalità. Abbiamo un orto a casa e coltiviamo molti dei prodotti impiegati per le nostre proposte in famiglia, prediligendo il km zero. Ogni 4-5 mesi cambiamo il nostro menu, orientando i clienti su prodotti stagionali. La nostra è una cucina sana, che si può mangiare, senza grassi idrogenati e condimenti eccessivi. Una cucina pulita e di gusto, che predilige il pescato fresco, gli ortaggi di stagione e le carni nostrane, abbinandoli a una selezione di vini che conta oltre 500 etichette, campane e nazionali».

la-bettola-del-gusto-vini

Il segreto del gusto? La ricerca di un buon equilibrio nel piatto: «le nostre pietanze esaltano le materie prime utilizzate puntando sull’essenzialità. Massimo due o tre ingredienti dosati con cura e perfettamente bilanciati, promettono insostituibili esperienze di gusto». Dal raviolo con crostacei, provolone del monaco e crema di zucca – proposta che scalda il cuore in inverno – alle sfiziose polpettine estive di melanzane, La Bettola del Gusto sorprende in ogni momento dell’anno.

I fratelli Fortunato aprono le porte di La Bettola del Gusto ultima modifica: 2017-02-09T08:00:40+00:00 da Anna

Autore

Foto del profilo di Anna

Anna

Leave a Comment