Benessere & bellezza / curiosità fragole, fragole, storia fragole / Maggio 5, 2021

7 curiosità sulle fragole che ti stupiranno

Quando pensiamo alla primavera-estate non si può fare a meno di pensare alle fragole: rosse, succose, incredibilmente deliziose e profumate, perfette per colazione, merenda e dessert. Anche gli amanti di questo frutto, sono ignari della sua origine e spesso anche di molte curiosità a esso legate. Siete curiosi di sapere tutto sul frutto più amato di questa stagione?

 

Storia delle fragole

Questo frutto che oggi compare abitualmente sulle nostre tavole e che adoriamo mangiare assoluto o condito con panna montata o magari in una deliziosa macedonia multivitaminica, fino alla fine del ‘500 non era particolarmente diffuso in Europa. Le fragole che oggi coltiviamo e mangiamo sono il risultato di un incrocio tra due specie americane di Fragaria. In epoca antica l’unica specie nota sul nostro territorio era quella selvatica spontanea delle fragoline di bosco che non erano neppure considerate un frutto appetibile, quanto piuttosto un ornamento per valorizzare le aiuole (specialmente in Francia). Nel 1300 la fragola selvatica americana fu trapiantata per la prima volta nei nostri giardini, diventando una coltivazione dei nostri orti. Dal 1500 circa questo frutto, di sapore e dimensioni diverse a quelle a noi note, conobbe una grande diffusione in Europa. La specie importata dal Nord America era la Fragaria virginiana. Grande fortuna conobbe anche una varietà importata dal Cile nel ‘700 che era molto più grande di quelle note in Europa e fu particolarmente apprezzata dal Re Sole che volle introdurla nei suoi giardini di Versailles.

7 curiosità sulle fragole che sicuramente ti stupiranno

 

Curiosità sulle fragole 

  • Pochi sanno che le fragole sono un falso frutto ed appartengono al genere Fragaria. La polpa rossa succosa che ci piace tanto non è il frutto della pianta, ma un’infiorescenza ingrossata. 
  • Esistono tante credenze popolari riguardo le fragole. In epoca antica, questo frutto, particolarmente amato dai Romani, era chiamato fragrans in omaggio al suo intenso profumo. Il mito narra che, quando Adone morì, Venere pianse copiose lacrime che una volta a terra, si trasformarono in piccoli cuori rossi di grande dolcezza: le fragole. In realtà i nostri antenati non le usavano come frutto a tavola, ma per il suo potere medicamentoso. Si riteneva fosse un valido rimedio naturale per febbre, mal di gola, alitosi, cali di pressione, infiammazioni e calcoli renali. 
  • Sapevate che di fragole ne esistono diversi tipi e colori? Oltre alla variante rossa che tutti amiamo, non è raro vedere i pasticcieri e chef gourmet usare la fragola verde che ha un sapore simile all’ananas e si abbina bene a pietanze salate. 
  • Sembra incredibile, ma le fragole hanno più vitamina C delle arance.  Sono inoltre ricche di antiossidanti, fibre e nitrato (che ossigena il sangue).
  • Sono ideali per chi soffre di diabete e colesterolo alto per la presenza della pectina.
  • Questo frutto è un valido alleato prezioso contro la caduta dei capelli per la presenza di rame.
  • Alle fragole è dedicato addirittura un museo in Belgio, il Musée de la fraise,  dedicato alla sua storia e caratteristiche e che attira ogni anno centinaia di curiosi ed appassionati da tutto il mondo.

 

m.s.

 

Comments (0)

Leave a Reply