Trend News

Eventi, Trend News, Uncategorized / 5 Luglio, 2021

Matteo Sangiovanni: l’emozione del gusto

Con una gustosissima “Cena in vigna”, lo straordinario chef Matteo Sangiovanni potrà regalare agli ospiti di Casa Setaro, nella sera dell’8 luglio, uno straordinario e indimenticabile percorso multisensoriale. Provare per credere.

Perdutamente innamorato del suo pittoresco territorio, lo chef Matteo Sangiovanni porterà il Cilento, e le sue luculliane prelibatezze, anche alle pendici del Vesuvio. Proprio nella meravigliosa e storica vigna di Casa Setaro.

Matteo Sangiovanni: un gustosissimo percorso emozionale

Con le sue più che brillanti capacità ed il suo innato talento, lo chef Manager del rinomatissimo ristorante Le Radici di Battipaglia potrà dunque creare, proprio a Casa Setaro, e alle luci di un tramonto particolarmente suggestivo, un percorso emozionale vino-cibo assolutamente memorabile ed estremamente significativo. Un percorso che, segnato proprio dall’esperienza e dalla straordinaria creatività dello chef Sangiovanni, potrà dunque colorare di gusto e meraviglia una calda serata estiva all’insegna dell’altissima enogastronomia e persino dei buoni sentimenti.

La passione dello chef Sangiovanni anche a Casa Setaro…

Perché è proprio grazie all’amore e alla passione dello chef per le materie prime di eccellenza, così come la voglia di stupire attraverso piatti a dir poco indimenticabili che da sempre lo contraddistingue, che Matteo Sangiovanni potrà infatti regalare agli ospiti della serata dell’8 luglio a Casa Setaro, la “Cena in Vigna” più gustosa e memorabile di sempre.

Il successo del Ristorante Le Radici di Battipaglia

L’esperienza e la creatività dello chef Manager Matteo Sangiovanni, in sodalizio con quelle dello chef Claudio Napoletano, Porteranno, dunque, per questa poetica “Cena in vigna” un percorso di gusto all’insegna dei colori e dei sapori più tipici di un sentito territorio d’appartenenza. Terra che sa, da sempre, contraddistinguere il gusto e il successo del Ristorante Le Radici a Battipaglia.

La proposta di Matteo Sangiovanni

Saranno ben cinque, infatti, le tipologie di finger food proposte – spiega lo chef Matteo – Ci sarà una caprese rivisitata in stile moderno, una parmigiana secondo le radici, e quindi anch’essa rivisitata, ed ancora una pasta e patate con tartufo nero, un finto uovo a occhio di bue con spuma di topinambur e crema di carote; ed infine, altre dolcissime e conclusive preparazioni come una meringa con fragoline, crema leggera al lime e cioccolata albicocca e un crumble al tartufo“.

Una professionalità tanto “radicata” quanto innovativa!

La capacità dello chef di unire la conoscenza e la valorizzazione delle materie, così come quella di fondere in un unico e straordinario mashup abilità tecnica, creatività e, in primis, l’amore per il proprio Cilento, conferiranno, infatti, a tutti i piatti proposti non solo il gusto di una professionalità tanto radicata quanto innovativa. Ma anche uno studio approfondito e meticoloso. Un più che dettagliato e appassionato studio volto all’esaltazione dei singoli ingredienti e, soprattutto, del loro abbinamento. 

Matteo Sangiovanni e la ricchezza del Cilento

La ricchezza del patrimonio agroalimentare del Cilento. Di cui Sangiovanni è ben consapevole oltre che tenace divulgatore. Potrà dunque, anche in quest’occasione, incantare lo sguardo persino del più goloso ospite e sedurne, amabilmente, anche ogni singola papilla gustativa.

Una straordinaria esperienza multisensoriale…

Con una visita alla cantina Setaro come degna conclusione di una gustosissima serata. L’evento “Cena in vigna” potrà quindi, grazie allo straordinario lavoro dello chef Sangiovanni, regalare ai suoi ospiti una straordinaria esperienza multisensoriale. Una magica esperienza tutta da esplorare e assaporare, piatto dopo piatto… e sorso dopo sorso.

s.g

Trend News / 30 Maggio, 2021

Cosa mangiare a Procida a base di limone

Procida, la perla del Mar Mediterraneo con meno di 10.000 abitanti, è la Capitale Italiana della Cultura 2022. Un grande riconoscimento per un piccolo borgo, ma che vanta un grande patrimonio culturale, gastronomico e paesaggistico. Un arcobaleno di colori accoglie il viaggiatore che approda su quest’isola così unica ed autentica del Mar Mediterraneo. La prima cosa che colpisce è sicuramente lo scenario variopinto delle case. La bellezza a Procida è in ogni cosa: mare azzurro, barche, pescatori, limoni, colline, odori e sapori. Un luogo sospeso nel tempo, che ad eccezione dei mesi estivi quando viene presa d’assalto dai pendolari napoletani, per il resto dell’anno sonnecchia e si culla nel mare, conservando la sua identità. 

Cosa mangiare assolutamente a Procida? Scopriamolo insieme.

La “lingua di suocera”

Chi non ama iniziare la giornata con una bella colazione? A Procida ad aprire le danze, accanto ad un buon caffè espresso, è la “lingua di suocera”, detta anche “lingua di bue”, un dolce tipico locale inventato agli inizi degli anni ‘60. Fuori pasta sfoglia croccante, dentro un cuore di crema al limone. Ne esistono diverse varianti, adatte a soddisfare qualsiasi palato, come quello al cioccolato e quello alla crema pasticciera. La lingua di suocera ricorda un po’ il carattere dei procidani: scostanti fuori, ma generosi dentro.

Il liquore alle foglie di limone

Si chiama “Fogliolì” ed è un liquore la cui ricetta si ispira a quella del limoncello, ma che in realtà viene realizzato solo con le foglie di limone (senza bucce). La sua consistenza è molto diversa dal più noto limoncello e anche il colore (più verdagnolo e meno giallo brillante). 

Insalata di limoni alla procidana 

Oggi un antipasto estivo ricco e gustoso, in passato un piatto povero della tradizione contadina, l’insalata di limoni viene preparata con limoni (“limun e pan”, così chiamati perché hanno uno strato bianco spugnoso e spesso tra la scorza e la polpa), aglio, peperoncino, menta, olio e sale.

Ovviamente questi sono alcune prelibatezze gastronomiche che vi aspettano nell’isola campana. Da non dimenticare anche il coniglio alla Procidana, gli spaghetti ai ricci o quelli con alici, pomodorino e pecorino. Non vi resta che trascorrere un weekend di sole e di buon cibo a Procida e taggarci nei vostri scatti su Instagram!  

m.s. 

 

Eventi, Trend News / 19 Febbraio, 2021

Paolo Gramaglia: Uno Chef Stellato per la Dad

Con un padrino d’eccezione come lo Chef Stellato Paolo Gramaglia ha preso ufficialmente il via il nuovo progetto formativo targato Casolaro Hotellerie “Stellati per la Dad”. Un successo eccezionale quello di Stellati per la Dad. Un debutto online, ma altrettanto real, che ha saputo brillare anche per l’impegno del grandioso Chef Stellato Gramaglia.

Paolo Gramaglia: “Innamoratevi del vostro lavoro”

Intento negli insegnamenti dell’alta cucina per i tantissimi studenti degli istituti alberghieri ancora impegnati nella didattica a distanza e nei i turni in presenza. Lo Chef Paolo ha spiegato ai ragazzi: “Innamoratevi del vostro lavoro, fate in modo che il vostro sogno diventi un lavoro e soprattutto studiate, preparatevi, immergetevi completamente nello studio e cercate di carpire quanti più segreti potete in cucina, di sperimentare, di assorbire ogni esperienza per riportarla, alla fine di ogni viaggio, nel vostro bagaglio formativo e magari un giorno nel vostro menu”.

Il nuovo format Casolaro Hotellerie

Il nuovissimo format, ideato, attuato e promosso da Casolaro Hotellerie, azienda leader del settore alberghiero, ha saputo registrare dei numeri importantissimi e segnare, dunque, non solo un inizio molto promettente di una nuoca iniziativa, ma anche una fiduciosa aspettativa di un progetto in grado di lasciare il segno nel futuro delle iniziative a carattere formativo.

Paolo Gramaglia: i ragazzi devono comunicare

Più che numerose le reazioni e i commenti dei ragazzi. Durante la preparazione delle due ricette di questo primo appuntamento. Un risotto coi pomodorini gialli del Piennolo vesuviano, gamberi di nassa, salsa di riccio di mare e carbone di lampone e il “Carciofo da Schito verso il mare” gli studenti sono infatti rimasti incollati allo schermo. Ammaliati dai gesti e dalle movenze in cucina dello Chef Gramaglia. I ragazzi non solo hanno potuto imparare, ma hanno potuto anche confermare l’importanza del mezzo comunicativo specialmente nel contesto attuale. Lo Chef Stellato a tal proposito ha spiegato: “Che si tratti di segnali di fumo, di messaggi Whatsapp o dirette su Facebook o Instagram. I ragazzi devono comunicare e se così possono apprendere tecniche e imparare le ricette, ben venga”.

s.g

Trend News / 23 Gennaio, 2021

Food Trend 2021

Non c’è dubbio: la pandemia ha cambiato lo stile di vita di ognuno di noi. Che dire dei gusti e delle abitudini alimentari? L’emergenza sanitaria mondiale ha avuto anche il potere di cambiare il modo in cui pensiamo e ci approcciamo al cibo? Inutile negarlo, la risposta è sì. Basti pensare all’impossibilità di recarsi in un locale per mangiare comodamente seduti la propria pizza preferita il sabato sera o all’esponenziale crescita delle proposte take-away e al boom delle piattaforme delivery. Fiduciosi in un futuro immediato migliore, siamo pronti a svelarvi i 3 food trend che caratterizzeranno il 2021. Siete curiosi?

 

No agli sprechi

La lotta costante agli sprechi nel settore food & beverage non è una novità. Ma il consumatore medio, continuamente bombardato dalle notizie sul degrado ambientale e sulle tematiche come clima e biodiversità, ha sempre più una maggiore consapevolezza dell’importanza di salvaguardare l’ambiente. Il 2021 sarà un anno all’insegna dell’ecosostenibilità. Interessante è il dato (riportato dall’UN Environment Programme) secondo cui ogni anno un terzo del cibo prodotto nel mondo viene sprecato (ben 1,3 miliardi di tonnellate di cibo buttato via). I consumatori stanno sviluppando una coscienza ambientale il che il porta a comprare prodotti sostenibili e a controllare la provenienza dei prodotti food.

 

Service is king

In una fase storica mondiale in cui delivery e take away dominano incontrastati, è abitudine consolidata il consumare qualsiasi tipo di cibo entro le mura domestiche. Sono in aumento le ghost kitchen, ossia locali piccoli destinati solo alla preparazione di cibo da asporto. Ecco perché nel 2021 la cena fuori sarà non solo una questione di gusti e sapori, ma anche di servizio, estetica del locale e concept. Di qui la necessità di una brand identity molto forte. La generazione social uscirà nei locali per una cena non solo buona, ma anche bella e “cool” e non perderà occasione di documentare la propria esperienza attraverso scatti social. Quindi il 2021 vede il focus sull’esclusività dell’esperienza food proposta al cliente.

 

Grandi classici rivisitati 

Il 2021 vede il ritorno dei grandi classici, ma in chiave rivisitata. Cosa significa? Ecco qualche esempio:

  • l’olio di oliva si farà da parte e saranno sperimentati nuovi oli come l’olio di semi di zucca, di girasole, di noce
  • farine alternative e mai usate prima saranno usate per superare la noia del palato (farine di frutta e verdure)
  • nuovi tipi di pasta: oltre alla pasta di riso e di cereali alternativi, anche altre proposte come la pasta ai cuori di palma.

 

m.s.

Trend News / 28 Dicembre, 2020

Eleganza in tavola: lo stile minimale che viene dal nord

Sobrio, elegante, minimale, ma allo stesso tempo caldo e accogliente, è questo lo stile che arriva direttamente dal Nord Europa e, in particolare dalla Scandinavia. 

Sono necessari pochissimi accorgimenti per trasformare la vostra casa in un’icona nordic style. In occasione del Natale, ad esempio, privilegiate i toni del bianco e scegliete il legno e i temi della natura, in generale, per le vostre decorazioni.

Allo stesso modo, anche la tavola della festa deve ispirarsi alla natura. Questo renderà l’atmosfera natalizia particolarmente accogliente. Ideale, per una cena romantica a lume di candela. 

Ecco cosa fare per non sbagliare. 

1. La tovaglia bianca 

Una tovaglia bianca è da sempre simbolo di eleganza, raffinatezza e buon gusto, specie se realizzata con tessuti pregiati. Lino, cotone, fiandra: qualunque sia la vostra scelta, regalerete alla vostra cena una nota preziosa e chic. Via libera al bianco, dunque, in tutte le sue sfumature. 

2. Abbinamenti d’effetto

Bianco sì, ma con qualche tocco di colore. Il rosso del melograno, da sempre simbolo di abbondanza e di fortuna, il verde del pino e il color legno delle pigne daranno alla vostra tavola quel tocco di brio che la renderà indimenticabile. Attenzione però a non esagerare: usate il colore solo a piccoli tocchi, per esaltare la luminosità del contesto, senza renderlo chiassoso.

3. La cura per i dettagli 

Tutto, sulla vostra tavola, dovrà sembrare naturale, spontaneo, quasi come se fosse stato messo lì a caso. In realtà, la posizione di ciascun oggetto è studiata fin nel più piccolo dettaglio, quasi geometricamente. Calcolate la distanza tra i vostri decori, in modo che siano tutti simmetrici e perfettamente equidistanti tra loro. Questo ordine rigoroso renderà l’ambiente rilassante e molto confortevole.

4. Piatti e bicchieri pregiati 

Scegliete solo il cristallo per i vostri bicchieri. Dovranno essere rigorosamente trasparenti: unico vezzo consentito, dei piccoli decori bianchi incisi e una traccia d’argento tutt’attorno al bordo. Anche i piatti saranno bianchi, di porcellana finissima, anche qui, impreziositi da una nota d’argento sull’orlo, a richiamare, ancora una volta, la posateria. 

5. Segnaposto

Rigorosamente naturale, il segnaposto della tavola in stile nordico è realizzato con aghi di rosmarino e anice stellato: due ingredienti insostituibili per la preparazione delle nostre pietanze festive. Se vi piace, potete aggiungere un bigliettino con il nome dell’invitato per rendere ancora più personale e grazioso il segnaposto. 

6. Tante candele

Non possono mancare sulla tavola della festa, le candele sono il completamento naturale di una tavola in festa. In questo caso abbiamo voluto utilizzare due tipologie diverse di portacandele, per richiamare entrambi gli elementi presenti sulla tavola e conferirle maggiore rigore: il cristallo dei bicchieri e l’argento delle posate. 

7. Il legno

È forse l’elemento più riconoscibile dello stile nordico, il legno caratterizza le case del nord in ogni dettaglio. Tavoli, sedie, finestre, scaffalature, armadi, ma anche parquet e rivestimenti murari, sono, quasi sempre, di legno chiarissimo, lasciato al naturale. Anche la nostra tavola è impreziosita dal legno, che viene utilizzato come vassoio. 

8. Il dolce 

Il centro della scena appartiene al dolce, autentico protagonista della tavola delle feste. Posizionatelo su un’alzata, possibilmente, vicino a una fonte di calore, per renderlo ancora più suggestivo e invitante. In questo caso abbiamo scelto una naked cake farcita con crema alla vaniglia e decorata semplicemente con rametti di rosmarino, anice stellato e cannella, gli stessi elementi utilizzati per realizzare i segnaposto. 

Trend News / 21 Luglio, 2020

Le uova di pasqua: sapore e colore

Simbolo della Pasqua per eccellenza, le uova sono spesso protagoniste anche dei nostri addobbi, per la casa o per la tavola. Possiamo dipingerle, colorarle, infiocchettarle: otterremo sempre e comunque delle creazioni piene di allegria e di vivacità. Ecco, di seguito, alcuni piccoli, semplicissimi, suggerimenti che vi consentiranno di preparare i vostri personalissimi addobbi pasquali, senza alcuna fatica.

Le uova dipinte

Sono allegre, festose e facili da realizzare. Le uova dipinte sono perfette per decorare la tavola di Pasqua o la casa o anche per fare un piccolo regalino alle maestre, agli amici. Per ottenere delle nuance più decise, utilizzate dei colori sintetici, se invece volete divertirvi a prepararle anche con i vostri bambini, usate dei colori naturali: il risultato non sarà proprio lo stesso, ma almeno avrete realizzato una straordinaria alchimia. 

 

Le uova decorate

Una volta colorate, potrete aggiungere alle vostre uova fiocchetti, fiorellini, piccoli decori che le renderanno veramente sensazionali. Non esitate a lavorare di fantasia: tutti i materiali possono rivelarsi interessanti e utili allo scopo. Sarà sufficiente dotarsi di colla vinilica e il resto lo farà la vostra creatività.

 

Trend News / 21 Luglio, 2020

Le uova decorate e dipinte per Pasqua

Le uova decorate con nastri, fiocchetti, fiorellini o piccole perline sono la vera novità di quest’anno. Non fatevele mancare sulla tavola di Pasqua o all’interno delle vostre decorazioni. Piaceranno a tutti. Non esitate a lavorare di fantasia: tutti i materiali possono rivelarsi interessanti e utili allo scopo. Sarà sufficiente dotarsi di colla vinilica e il resto lo farà la vostra creatività. Noi abbiamo realizzato qualche esempio che potrà ispirarvi.

 

Uova e fiori di pesco

Il fiore di pesco è protagonista assoluto della primavera, ideale per gli adobbi di Pasqua. Allora perchè non unire il tutto? Decorate il vostro uovo con un fiorellino di pesco. Utilizzate un filo di paglia per tenerli insieme e il gioco è fatto.

Uova in jeans

Ecco un’idea del tutto originale, per stupire davvero la vostra famiglia e i vostri ospiti. Decorate le uova con i jeans! Basta ritagliare il tessuto della forma che preferite: fiorellini, simboli, farfalle … e, poi, applicarle con colla vinilica alle uova, colorate o bianche.

Uova e merletti

Una decorazione d’effetto ma allo stesso tempo semplice e veloce da realizzare. Scegliete il colore che preferite, oppure abbinate varie tonalità: risultato garantito e uova davvero eleganti.

Uova e Nastrini

Un semplice fiocchetto colorato, un nastrino che circonda l’uovo e il gioco è fatto. Potete abbinare diversi colori o sceglierne uno solo, potete dipingere le uova o anche lasciarle “al naturale”, semplicemente divertendovi ad arricchirlo con i nastrini colorati.

Uova Glitter

Sembrano difficili da realizzare, in realtà bastano i glitter colorati e la colla vinilica! Risultato davvero scintillante, da impreziosire ulteriormente con cordoncini e nastri.

Uova con la rafia

In stile country, le nostre uova avvolte nelle rafia. Scegliete i colori che preferite, avvolgete l’uovo per intero, oppure alternate con qualche colore dipinto. Davvero originali!

Uova con la lana

Potete fare di questa idea un doppio utilizzo. Per la tecnica più veloce, basta utilizzare fili di lana colorati per avvolgere l’uovo, alternando, incrociando o sovrapponendo i colori.

Se invece avete un po’ più di tempo da dedicare a questa operazione, potete provare a realizzare dei piccoli – deliziosi – “cappellini” di maglia, con i ferri o con l’uncinetto. Il risultato è sorprendente, come questo simpatico pulcino. E, in più, li potete conservare per i prossimi anni.

Trend News / 17 Luglio, 2020

Il regalo perfetto per papà: 10 idee geniali per renderlo felice

Il regalo perfetto per papà nasce dal cuore. Non è necessario spendere molto per fare felice un genitore. Anzi, tutt’altro. Il più delle volte non è di regali costosi che ha bisogno, piuttosto di un pensiero dolce, di un po’ tempo da trascorrere insieme a chiacchierare, di amore, di coccole. E questo vale a qualunque età: vale per i figli piccoli, ma anche per quelli un po’ più grandicelli che già si fanno prendere dalle loro cose, dagli amici, dallo sport e talvolta trascurano gli affetti di casa. La festa del papà può essere proprio l’occasione per dedicarsi quel tempo insieme, come due vecchi amici che si scambiano confidenze, si raccontano cose, esperienze, momenti vissuti. È sufficiente una trovata geniale, qualcosa che vi accomuni e che vi consenta di passare qualche ora da soli, in totale relax. Quest’anno, quindi, bandita la classicissima cravatta, della quale certamente il vostro papà sarà felice di fare a meno.

  1. L’album delle foto

Non è più di moda stampare le foto. Coi telefonini facciamo praticamente di tutto, immortaliamo ogni istante senza metterci grande impegno e cura. Proprio per questo motivo, spesso ci dimentichiamo delle foto scattate e dei momenti vissuti. Prendetevi un po’ di tempo per raccogliere tutti questi scatti dimenticati e fateli stampare, alla vecchia maniera, per confezionare un album dei ricordi col vostro papà. Sfogliarlo insieme vi consentirà di ritrovare tante piccole, dolcissime, emozioni.

  1. Le manine per ricordo

Quanto sono belle le manine di un bimbo? Piccole, morbide, piene di ciccia tutta da mordere. Cosa ci può essere di più meraviglioso di quelle deliziose, minuscole, dita per ricordo? E allora, cara mamma, assicurati di avere a portata di mano: un foglio di carta o un cartoncino del colore che preferisci, tanti pastelli colorati e un pennarello nero. Appoggia le manine del tuo bimbo sul foglio e fagli allargare leggermente le dita, poi col pennarello ricavane il contorno. Una volta ottenuto lo stampo delle sue mani, fai in modo che lui stesso le colori come più gli piace. Segui la sua crescita ripetendo questo giochino più volte nel corso dei mesi: vedrai che trasformazione.

  1. Le decorazioni per la cameretta

Esistono diversi tipi di decorazioni murali, se ne vendono un po’ ovunque ormai, anche su internet. Ci sono animali, personaggi dei cartoni, scene tratte da film o serie tv, ma anche mondi stellati o immaginari, panorami selvaggi o sottomarini. Insomma, tutto quello che la fantasia di un bimbo o di un ragazzino possa desiderare. In più sono economicissime e semplici da applicare perché si usano proprio come gli adesivi tradizionali. Scegliete quelle che più vi piacciono e regalatele a papà, strappandogli la promessa che utilizzerete la sua prima giornata libera per applicarle insieme.

  1. Un bel disegno

I bambini adorano disegnare. È il loro passatempo preferito, il modo in cui riescono a esprimersi meglio nei primi anni della loro vita. Ogni pezzo di carta lasciato incustodito, per quanto piccolo possa essere, viene subito acciuffato e farcito di mille piccoli scarabocchi multicolore. È così che i nostri bimbi ci raccontano la loro personalissima visione del mondo, i loro stati d’animo, i loro pensieri, i loro sentimenti. Ed è così che noi genitori vogliamo vederli: liberi di esprimersi e di aprirsi agli altri. Per questo motivo, il regalo più tenero per un papà amorevole, è proprio un bel disegno: un suo ritratto o una scena della vita vissuta insieme. Conservatelo poi nel vostro cassetto oppure fatene una scansione e tenetelo nel computer. Tra qualche anno, lo apprezzerete ancora di più.

  1. Il libro di favole

Scegliete un libro che vi piace particolarmente, compratelo e impacchettatelo a dovere. Poi regalatelo a papà, chiedendogli di leggerlo insieme, la sera, prima di andare a dormire. Quegli attimi, prima che il sonno abbia il sopravvento, sono l’ideale per lasciarsi avvolgere dalla trama di un bel libro di avventure o di fiabe. Leggere la sera concilia il sonno, ci aiuta a rilassarci e ci fa sentire protetti, specie se accanto a noi c’è proprio il nostro papà, immerso come noi in avventure di pirati e principesse.

  1. Gli attrezzi da bricoleur

Cercate sempre un pretesto per fare qualcosa insieme. Un mobile da riparare, una presa elettrica da sistemare, un rubinetto che perde acqua da mettere a posto; ma anche inventatevi qualcosa da costruire insieme: una macchina robotica per fare scarabocchi. Potreste far felice il vostro papà, regalandogli un trapano/avvitatore cordless, completato da una valigetta contenente punte da ferro, da pietra, da legno e poi cacciavite a cricchetto con tutte le misure e le forme possibili. Poi vi divertirete a usarlo insieme per inventare mille nuovi giochi.

  1. Gli attrezzi per il giardinaggio

Non serve avere un giardino per coltivare la passione per il giardinaggio. Basta avere un balcone, ma anche una semplice finestra, un vaso, un po’ di terreno e il pollice verde. Al resto penserete voi, il vostro papà e gli attrezzi che avrete scelto di regalargli. Ad esempio un kit comprendente guanti, paletta, zappetta, rastrello, forbici, seghetto, annaffiatoio e spruzzino. E in aggiunta qualche bustina di semi di piante ornamentali o commestibili. Il resto lo farà la fantasia.

  1. Le matite e i quaderni colorati

Anche questo può essere un piacevole passatempo da fare insieme. Matite colorate, quaderni e tanta fantasia per trascorrere pomeriggi in allegria a creare mostri, cavalieri, principi, principesse, paesaggi incantati e personaggi di fantasia. Esistono bellissime valigette in commercio contenenti matite, pastelli, colori a cera, a olio, a tempera, acquerelli, pennarelli e accessori vari come fermagli, pinze righelli spugne e cucitrice. Non vi resta che scegliere quella che più vi piace e poi offrirla in dono al vostro papà.

  1. Il suo dolce preferito

Preparare dolci è rilassante ed estremamente divertente. Ancor di più, se il dolce è dedicato a qualcuno che amiamo. Con l’aiuto di mamma cercate la ricetta del dessert preferito di papà e preparatelo, possibilmente di primo mattino. Sistematelo in una bella scatola, chiudetela con un nastro e portategliela appena sveglio, quando è ancora a letto, mezzo addormentato. Lo renderete felice e apprezzerà moltissimo il vostro lavoro. Qualunque sia il risultato.

Se non avete idea sulla tipologia di dolce da scegliere, potete seguire il nostro consiglio e preparare dei golosissimi red velvet cupcake, dal gusto deciso e pungente: perfetti per papà.

  1. La tazza personalizzata

Provate a personalizzare la tazza preferita di papà e poi usatela per portagli la colazione a letto: lo sorprenderete. Prendete la tazza che preferite: da caffè, latte, the. Assicuratevi che sia ben pulita e asciutta, poi dipingetela con le tempere o con la vernice spray. Ritagliate da un cartoncino bristol la forma di un bel paio di baffi, o di una cravatta o di qualunque altro soggetto vi piaccia. Incollate la vostra sagoma alla tazza utilizzando della colla acrilica trasparente per ceramica e porcellana. Lasciate asciugare e il gioco è fatto.

 

 

 

 

 

Trend News / 3 Giugno, 2020

Il regalo perfetto per la mamma: 10 idee geniali per renderla felice

Di cosa ha veramente bisogno una mamma, oggi? Se provate a chiedervelo, molto probabilmente la risposta sarà la stessa che ci siamo dati noi. Ha bisogno di riposo, di amore, di un po’ di gentilezza e, probabilmente, anche di un po’ di sonno in più.

Perché una mamma è una mamma ed è sempre attiva, sia di giorno che di notte, se un figlio ne ha bisogno (e anche se non sa di averne).

Si, perché il compito di una mamma è proprio quello di prendersi cura dei suoi cuccioli, senza neppure che questi se ne accorgano, ma lasciando solo che percepiscano una confortevole sensazione di benessere e di sicurezza attorno a loro. Una mamma è questo: tante attenzioni, tanti pensieri e tanta cura, nel più assoluto silenzio. Un compito straordinariamente arduo, che non lascia spazio al riposo e che tiene la mente perennemente impegnata tra pranzi, colazioni, merendine e cene, salute e pediatra, scuola e amichetti.

Nel giorno della sua festa, proviamo a sollevarla da tutto questo e regaliamole quello che più può farle piacere: un momento di amore, di relax e di riposo, tutto per sé. Riempiamola di attenzioni e di premure, ma in maniera vistosa, gioiosa e frizzante. In modo che possa goderne subito e ricordarsene nei giorni a seguire, quando tutto ritornerà uguale a sempre.

Di certo non le mancano abiti, profumi o scarpe. Quindi, lasciate perdere. E preoccuparvi semplicemente di regalarle una giornata d’amore e coccole. Tutto qui.

 

  1. Il diario per i pensieri più intimi

A una mamma manca il tempo per far tutto, ma qualche volta le manca anche il tempo per fermarsi a pensare a ciò che le sta accadendo intorno. I pensieri corrono veloci, inseguendo la quotidianità, le incombenze e le concretezze di tutti i giorni. Ma talvolta, una mamma, avrebbe bisogno di concedersi un attimo di pausa e di riflessione, per mettere a fuoco attimi vissuti, sogni e speranze.

Un diario, dalle belle pagine bianche, potrebbe aiutarla in questo. La costringerebbe a fermarsi, almeno una volta al giorno, per guardare dentro di sé e per trasferire un pensiero sulla carta. Pensiero dopo pensiero, giorno dopo giorno, la vostra mamma vi ringrazierà per averle regalato l’opportunità di una riflessione in santa pace.

 

  1. Una lettera d’amore per mamma

Appuntare una frase d’amore, un pensiero dolce in una lettera è un atto d’amore molto importante tra un figlio e la propria madre. E, in più, è un ricordo che le resterà per tutta la vita, anche quando, da grandi, non sarete più troppo disponibili per certe smancerie. Prendete una bella carta da lettere colorata o decorata con tanti fiori, come si usava un tempo, armatevi di penna e scrivete tutti i pensieri più belli e più dolci che vi vengono in mente per la vostra mamma. Non abbiate paura degli errori, la faranno sorridere e le regaleranno anche un momento d’immensa tenerezza. Per vostra madre conterà solo sentire quanto amore e quanta dolcezza avete da darle.

  1. I fiori giusti

Troppo facile andare dal fioraio e farsi confezionare un bel fascio di fiori freschi. Esistono delle confezioni veramente straordinarie e di gran gusto, ma non avrebbero la stessa efficacia di qualche piccolo fiorellino raccolto nel giardino o nel parco dietro casa e sistemato con cura in una busta di carta naturale. Il tutto, arricchito con dei cuoricini ritagliati da un cartoncino colorato e legati tra loro da un nastrino. Un lavoretto semplice ma di grande effetto, farà sentire la vostra mamma amata nel giorno della sua festa. E le farà avere la certezza che avete voluto dedicare a lei il vostro tempo.

  1. La colazione a letto

Lasciate che dorma un po’ più a lungo nel giorno della sua festa. Chiudete la porta della camera da letto e quella della cucina. Intanto, divertitevi a prepararle tutto quello che le piace di più: una crostatina ai lamponi, un toast con marmellata e burro, una spremuta d’arancia, un cappuccino. Qualunque cosa possa regalarle un risveglio profumato e goloso. Ricordatevi: non esistono diete nei giorni di festa, tutto è concesso, stravizi compresi.

  1. La cornice portaritratto

Ne esistono di ogni prezzo e di qualunque tipologia. Scegliete quella che meglio si adatta alla stanza della vostra mamma o al suo ufficio, ma non regalategliela vuota. Completatela con una foto di voi due insieme, non è difficile: basta aprire le linguette sul retro e poi rimuoverlo, posizionare la foto in modo corretto e richiuderla. Solo allora, potrete incartare la cornice e realizzare il vostro regalo perfetto.

  1. Le ciabatte sorridenti

Prendete un paio di ciabatte bianche di quelle che regalano negli alberghi, poi, munitevi di pennarelli indelebili e disegnate su ciascuna una faccina sorridente, oppure dei baffi, oppure quello che più vi piace.

Arricchitele aggiungendo, con una semplice colla vinilica, dei cappellini di lana oppure dei fiori di stoffa, o anche dei pezzetti di carta ritagliati a forma di cuoricini o di fiorellini. Il vostro regalo risulterà allegro e molto divertente, ideale per regalare alla vostra mamma un bel sorriso.

  1. Un po’ di musica

Un po’ di musica fa bene all’anima e al cuore. Allora, armatevi di santa pazienza e scaricate una bella compilation con le canzoni preferite della vostra mamma, poi, caricatele sul suo telefonino, approfittando di un momento di distrazione. Magari, fatevi aiutare dai vostri papà. Oppure, ancora meglio, regalatele un abbonamento a Spotify, così potrà ascoltare tutta la sua musica preferita in ogni momento della giornata, anche mentre va al lavoro o viene a prendervi a scuola. Un regalo assolutamente perfetto.

  1. Gli attrezzi per cucinare meglio

Il mondo della cucina è in continuo fermento: c’è sempre un nuovo attrezzo utile, a questo o a quello. Dipende dalle disponibilità del vostro salvadanaio, ma di sicuro le farete un regalo gradito comprandole qualcosa che, poi, potrete utilizzare anche insieme per preparare un manicaretto per tutta la famiglia. Fatevi aiutare dal vostro papà, per mettere insieme una cifra interessante e scegliete quell’attrezzo che di sicuro potrà renderla felice e, poi, render felice tutta la famiglia per i futuri assaggi.

  1. Un bel libro di cucina

Tutti sappiamo come cucinare alla perfezione i piatti di famiglia; chi meglio, chi un po’ peggio, ma ogni mamma è in grado di mettere in tavola un buon pranzetto per la propria famiglia. A volte però avremmo voglia di sperimentare qualcosa di nuovo, di diverso, di particolare. E quando questo accade, sono proprio i libri di cucina a venirci incontro. Ce ne sono tanti, per tutti i gusti. Scegliete quello che meglio degli altri potrebbe divertirvi, magari per preparare qualche pranzetto tutti insieme.

  1. I teneri pupazzetti da ufficio

Scegliete uno dei vostri orsetti preferiti, impreziositelo con un bel cuore di panno lenci o con un fiocco al collo e regalatelo alla vostra mamma, pretendendo che lo porti con sé al lavoro e lo tenga sulla scrivania, a farle compagnia. Sarà un modo per stare sempre insieme, anche quando lei non c’è. E per tenere sempre il vostro amore a stretto contatto.